Progetto Pozzo – 2009

Grazie all’offerta generosa della ditta Marpimar di Rodengo Saino Brescia, è stato realizzato un pozzo nel villago di Sakou – Burkina Faso dove la nostra fondazione ha iniziato un progetto di solidarietà dal 2009.
A seguire i lavori sul posto per conto della Fondazione c’era Fratel Albert Sawadogo. Per la prima volta, l’acqua POTABILE è riuscita a sgorgare a Sakou. In questo modo oltre a “creare” vita nel villaggio, si evita a donne e bambini di percorre più di 15 Km per andare a pendere l’ acqua.
Di seguito si pubblica la lettera ricevuta da Fr.Albert quale testimonianza della grande emozione percepita dagli abitanti di Sakou nel
momento dela scoperta ell’acqua:
Ciao Flora, prima che mando le foto, il conto e il rapporto di analisi per il ministero che si occupano di acqua, ti informo che abbiamo finalmente avuto l’acqua.La profondità è di 100 mètri con 3,5 mètre cubi. Questa volta l’abbiamo sul nostro terreno. Non fuori della fondazione come gli atri due. Il primo è andato à 90 m senza acqua. Il secondo è 40 mètre non poteva più andare giù perche tropo fango e gesso e è rimasto dentro la loro martello che non possono mai tirare fuori. Il terzo a 35 m continuano a rovinare la loro machina. E stato duro anzi durissima anche per me che sono stato sulla strada o di una impresa a all’altra per parlare e convincere a venire di nuovo a provare. C’è la quarta volta che finalemente è andato bene. L’ingenieri che era li a confirmato che l’acqua è potabilissima, buonissima, purrissima, saporissima e tutte le qualificatifi che vuoi. In settimana i dati sarano disponibili e potro cominicarti. Ma non posso non parlarti della mano della Madonna in questa situazione. Domenica 4 ottobre che sono venuti a cominciare. Tutta la giornata, tutta Sakou tutte le persone in eta di digiunare hanno fatto e siamo rimasti doppo la santa Messa davanti alla Madonna fino quando mi hanno chiamato per dirmi che hanno trovato l’acqua ma non è abastanza e loro non hanno più tubi per continuare. Sono a parlare e verso le ore 9 della sera, io e loro siamo partiti a Ouaga per cercare i tubi. Siamo tornati verso le 3 di notte. In questo momento c’è sempre il Rosario alla Madonna con le candele accese. Quando siamo arrivati appena messi i due tubi l’acqua è finalemente uscito come si si fosse rotta una valvola. Questa azione ha fatto un bum nei cuori di tutti che erano li presenti. Il tecnico ha detto siete forti ma c’è qualcosa di più forte qui.In questo momento ho pensato alla Madonna e la Santissimo presenti sull posto. Secondo me questa debba essere acqua Santa. Comunque aspettiamo la risposta del ministero.</p>
Grazie per la pazienza. Fr. Albert

Vorremmo sensibilizzare chiunque avesse anche una piccola possibilità, di donare un’offerta.
Anticipiamo il nostro più sentito ringraziamento anche a nome di quanti ne saranno i beneficiari.